Lunedì - Venerdì

09.00 - 18.00

no-sfondo_LOGO-EUREKA-ALTA-DEFINIZIONE-5MASTER EUREKA:

La più aggiornata e completa proposta di insegnamento di metodologie di apprendimento e di crescita personale, che racchiude in un unico percorso, tecniche di apprendimento avanzato, strategie di comunicazione efficace, metodi di gestione del tempo e sviluppo a livello personale.

Potrai memorizzare con precisione dati e informazioni: incrementerai le tue prestazioni risparmiando tempo ed energie.

SCOPRI DI PIU'... 


 

SEGUI IL NOSTRO BLOG

Aumentare lo spazio tra le parole facilita la lettura. Un incremento della velocità di lettura del 20% e una riduzione degli errori del 50%: sono i risultati di una sperimentazione che è stata condotta da studiosi italiani e francesi su un campione di 94 bambini dislessici, di età compresa tra gli 8 e i 14 anni. L'evidente miglioramento nella prestazione di lettura è stato determinato aumentando la spaziatura tra le parole del testo da leggere. Questo perché le difficoltà maggiori che incontrano i dislessici - il cui disturbo si manifesta con lettura scorretta e lenta di testi, spesso accompagnata anche...

Come aiutare i bambini dislessici a leggere più facilmente

AIUTA LA MEMORIA E MIGLIORA L'UMORE. Curcuma “oro” per il cervello. L’uso in quotidiano in cucina sarebbe in grado, infatti, di aiutare la memoria degli adulti tra i 50 e i 90 anni che accusano piccole difficoltà a ricordare, ritardando persino lo sviluppo di demenza e malattia di Alzheimer. La spezia sarebbe anche in grado di migliorare l’umore, secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Geriatric Psychiatry realizzato da un’équipe dell’Università della California a Los Angeles. Una piccola ricerca che ha coinvolto, al momento, solo 40 volontari che hanno assunto un integratore (90 milligrammi di curcumina) per...

Curcuma: toccasana per il cervello

Di giorno si ricordano di più le parole, di sera le azioni. Un recente studio del medical center di Friburgo in Germania ha in parte smentito la credenza diffusa, soprattutto negli studenti, secondo cui studiare o ripassare prima di andare a dormire faciliterebbe la memorizzazione dei concetti. In effetti così non sembra, visto che, secondo un esperimento condotto su 50 adolescenti, la memoria dichiarativa, ovvero quella che si basa sul ricordo di parole e concetti, sarebbe più efficiente durante il giorno. Di sera, invece, diventa più proficua la memoria procedurale, cioè quella che si basa su...

Anche la memoria ha un bioritmo

s2Member®

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close